Il Nodo Compagnia teatrale
 

Gl'innamorati

di Carlo Goldoni

Commedia in 3 atti

 
   
 
Gl'innamorati
     
 
Commedie
'....Contuttociò i due libri su' quali ho più meditato, e di cui non mi pentirò mai di essermi servito, furono il Mondo e il Teatro.' 1

Il Mondo, inteso come le sue esperienze di vita, i suoi incontri, i caratteri nei quali si è imbattuto ed il Teatro, ovvero il suo luogo d'azione per eccellenza (non a caso scritti ambedue con la maiuscola) furono alla base di tutta l’esistenza di Goldoni. La conoscenza e l'analisi del Mondo gli servirono infatti per reinventare il Teatro; un Teatro all'epoca sclerotizzato sugli schemi della commedia dell'arte, che lui progressivamente trasformò in commedia umana e specchio della vita.
All'interno del lungo processo di riforma, che ci regalerà alcuni straordinari capolavori tra cui 'La trilogia della villeggiatura', 'Il campiello' e 'Le baruffe chiozzotte', veri e propri modelli di realtà e di critica sociale, un posto di rilievo lo merita anche questa nostra commedia.
Scritta nel 1759 ovvero nel periodo in cui all’interno dell'opera goldoniana iniziavano a delinearsi i segnali della sua riforma, Gl'Innamorati è forse il testo in cui il Mondo ed il Teatro del commediografo veneziano si fondono più che altrove: la messa in scena delle vicissitudini amorose di Eugenia e Fulgenzio nasce infatti da un'esperienza realmente vissuta dall'autore in occasione di un suo soggiorno romano, durante il quale fu testimone dei litigi tra la figlia di un cardinale di cui fu ospite e il di lei innamorato.
“Cominciai dunque, e finii in quindici giorni, una commedia di tre atti in prosa, intitolata Gli Innamorati. […] Ne avevo per altro veduto gli originali a Roma; ero stato amico e confidente d’entrambi, come pure testimone della loro passione, della loro tenerezza, e spesso ancora dei loro eccessi di furore e dei loro impeti ridicoli.” 2

Ecco perché in questo allestimento il personaggio di Ridolfo, indiretto complice degli eventi, ma allo stesso tempo divertito e disincantato osservatore esterno delle bizzosità dei due amanti, è stato ribattezzato Carlo, ovvero il nome di battesimo di Goldoni. Per noi Ridolfo/Carlo è Goldoni stesso, che apre lo spettacolo con la prefazione da lui dedicata a quest'opera e poi, come in un gioco di specchi, si siede ad un tavolino dal quale, quando non partecipa alla vicenda, osserva e prende spunti per la commedia che scriverà ed a cui il pubblico contemporaneamente assiste.

Gl'innamorati non è più una commedia di situazioni, come buona parte della precedente produzione, ma di caratteri. La trama infatti è quasi inesistente: tutto ciò cui noi assistiamo altro non è che una serie di litigi alternati a siparietti di vita domestica che condurranno ad un rassicurante (ed un po' posticcio) matrimonio risolutore. Al contrario, all'autore, in questa nuova fase, interessano sempre di più i personaggi, affinché il pubblico possa rispecchiarsi nei loro atteggiamenti e, attraverso il riso, trarne esempio per non cadere negli stessi errori. Goldoni vuole mettere in scena il reale, non più il verosimile, perciò sceglie di abbandonare, o comunque superare, i vecchi stereotipi della commedia dell'arte in funzione di un maggiore spessore e di una nuova tridimensionalità delle sue figure. Di Eugenia, Fulgenzio, Flamminia, si iniziano a conoscere i sentimenti, i pensieri, non più solo la 'maschera', ed anche il loro ricorso ad alcune vecchie consuetudini teatrali appartenenti alla tradizione dei comici, come ad esempio il plateale svenimento di Eugenia nel terzo atto, viene fatto con consapevolezza, quasi fossero trucchi del mestiere da usare anche nella vita. Il personaggio reale si rifugia nello stereotipo come espediente, ma questo non gli impedisce assolutamente di essere vero; in fondo la corrispondenza Mondo-Teatro in Goldoni è sempre biunivoca e quindi se si può trasferire il Mondo nel Teatro si può fare anche l’inverso.
Gl’Innamorati costituisce quindi un tassello fondamentale nella nascita del Teatro moderno, un Teatro più consapevole delle proprie potenzialità, che vuole essere anche motivo di riflessione e non più solo intrattenimento. Per questo con Eugenia e Fulgenzio ci troviamo dinnanzi a due figure nelle quali, a distanza di quasi trecento anni, è ancora possibile identificarsi e con le quali dobbiamo ancora confrontarci perché, come ammonisce l’autore, si possa ridere di loro e non si abbia a ridere di noi.


1Carlo Goldoni: Prefazione alla prima pubblicazione a stampa del suo teatro per l’editore Bettinelli
2 Carlo Goldoni: Mémoires II-XLI
...continua



Spettacolo di repertorio non più disponibile per la messa in scena.

Regia   Davide Cornacchione
     
Scenografia   Nadia Fezzardi, Davide Cornacchione
Costumi   Nadia Fezzardi, Raffaello Malesci
Luci   Eugenio Sacchella
Costruzioni scenografiche   Maurizio De Antoni
Decorazioni scenografiche   Nadia Fezzardi
Sartoria   Mariuccia Schivardi
Trucco e acconciature   Severino Boschetti
Selezione musicale   Davide Cornacchione
Ufficio stampa   Raffaello Malesci
Segreteria   Federica Ghidini, Serena Signori
Fotografie di scena   Maurizio Balzarini
     
Personaggi   Interpreti
Fabrizio, vecchio, cittadino   Raffaello Malesci
Eugenia nipote di Fabrizio   Paola Franchini
Flamminia nipote di Fabrizio, vedova   Silvia Pipa
Fulgenzio cittadino, amante di Eugenia   Danilo Furnari
Clorinda cognata di Fulgenzio   Cristina Scalmana
Roberto gentiluomo   Francesco Buffoli
Carlo amico di Fabrizio   Daniele Bottini
Lisetta cameriera in casa di Fabrizio   Francesca Carini
Succianespole vecchio servitore di Fabrizio   Cristina Scalmana
Tognino servitore di Fulgenzio   Severino Boschetti
     
     
Ringraziamenti   Comune di Gottolengo (Bs)
IT'S Comunicaizone, Brescia
Bellicapelli, Montichiari
Teodorico e Bianca Franchini
Elena Bettinetti

Forniture
Tessuti: Vibatex, Montichiari (BS)
Parrucche: Co.Prof, Castiglione delle Stiviere (MN)
Calzature: CTC, Milano
       
       
Condividi su facebook! Condividi  
       




 
Produzione teatrale di repertorio
 
 
 
Commedie
   
  Il ventaglio di Lady Windermere
  Sarto per Signora
  In dolce attesa
  Il gioco dell'amore e del caso
  Tredici a Tavola
  La Madre Amorosa
  Donna Rosita nubile
  Il misantropo
  Le vedove allegre
  Il giro del mondo in 80 giorni
  L'abito non fa il monaco
  La casa nuova
  A scatola chiusa
  Una donna senza importanza
  Pene d'amor perdute
  Donne
  Occupati di Amelia!
  La donna volubile
  L'affarista Mercadet
  La commedia del mendicante
  8 donne
  Novecento
  Le nozze di Figaro
  L'hotel del libero scambio
  I giochi della follia ovvero la pergola
  Moglie... o attrice? ovvero il marito della debuttante
  Il giardino dei ciliegi
  Il borghese gentiluomo
  L'impresario delle smirne
  La guerra degli asparagi
  La paziente - Pomeriggio al mare
  Un cappello di paglia di Firenze
  Il volpone
  La strana coppia
  Il cavaliere della rosa
  Sogno di una notte di mezza estate (2006)
  Le cognate
  Cosi e' (se vi pare)
  La commedia degli equivoci
  Knock o il trionfo della medicina
  Un marito ideale
  Le nozze di Figaro (stagione 2005/2006)
  La palla al piede
  La cena dei cretini
  I due pantaloni ovvero i mercatanti
  Gl'innamorati
  Il tacchino
  Sherlock Holmes e il mistero dei Baskerville
  La brocca rotta
  Il trionfo dell'amore
  Molto rumore per nulla
  Che inenarrabile casino !
  Il bugiardo
  Il carnevale degli insetti e la misteriosa scomparsa di W
  Delitti di famiglia
  L'importanza di chiamarsi Ernesto
  La visita della vecchia signora
  La bisbetica domata
  Tutto è bene quel che finisce bene
  La cucina
  Storie di cronopios e famas
  Girotondo
  Il ventaglio
  Le allegre comari di windsor
  Fossi in voi ci penserei
  Il mondo alla rovescia
  Romolo il grande
  Gli acarnesi
  Sogno di una notte di mezza estate (1998)
  Le cognate (1998)
  Anatol
  Le donne a parlamento
  Jacques e il suo padrone
  Non sparate sulla mamma
  Vinzenz e l'amica degli uomini importanti
  Trappola per topi
Teatro di intrattenimento
   
Teatro per ragazzi
   
Rievocazioni storiche
   
Drammi
   
Letture
   
Cabaret
   
Teatro classico
   
Teatro contemporaneo
   
Teatro sperimentale
   
Spettacoli scuola dell'attore
   


  Teatro per ragazzi
  Dal 2004 Il Nodo Bimbi si dedica
alla produzione di commedie
per ragazzi e didattica teatrale
per l'infanzia...
   
  Approfondisci

  Scuola dell'attore
  Un progetto articolato
di scuola di teatro attivo
in provincia di Brescia
dal 1990
   
  Approfondisci
  Newsletter
  Tutte le news
ed informazioni sugli
spettacoli e non solo...
   
  Iscriviti ora!
   
 
Home / Calendario spettacoli / Rassegne teatrali / Produzione teatrale
Compagnia Teatrale / Scuola dell’attore / Contatti / Credits
     
Il Nodo Teatro Associazione Culturale s.s.l. Privacy - Contattaci   Contattaci!
 
sponsor by
Itsol