Il Nodo Compagnia teatrale
 

La cena dei cretini

di Francis Veber

Commedia

 
   
 
La cena dei cretini
     
 
Commedie Teatro contemporaneo
Sceneggiatore e regista, Francis Veber nasce il 28 luglio 1937 a Neully sur Seine (Francia) da una coppia di scrittori ed ha iniziato la sua carriera come giornalista, per poi passare alla scrittura di commedie, sketch e lavori teatrali, diventando presto uno degli sceneggiatori più ricercati degli anni '70. Proprio nel 1970 la sua prima sceneggiatura cinematografica prende vita sullo schermo con “Appelez-moi Mathilde”, film diretto da Pierre Mondy, mentre il 1972 è l’anno in cui si mette in evidenza come sceneggiatore brillante con il film “Alto biondo e…una scarpa nera” di Yves Robert. Il successo però busserà alla porta di Francis Veber solo sei anni dopo con lo script de “Il vizietto”, diretto da Edouard Molinaro, interpretato da Ugo Tognazzi e Michel Serrault, vincitore di un Golden Globe come miglior film straniero e candidato a tre premi Oscar, tra cui quello per la miglior sceneggiatura non originale. In questi sei anni comunque il suo lavoro è sempre in attivo: nel 1976 con “Professione…giocattolo” debutta come regista, poi sempre con il suo compagno di soggetti cinematografici Pierre Richard gira “La Capra” (1981), interpretato da Gérard Depadieu, il cui sodalizio porterà al successo internazionale del film e si ripeterà con “Les compères – Noi siamo tuo padre” (1983), seguito da “Due fuggitivi e mezzo” (1986). Di quest’ultimo Veber dirige anche una versione americana con Nick Nolte e Martin Short. Dopo alcuni alti e bassi arrivano altri due grandi successi: “La cena dei cretini” (1989), film tratto dall’omonima pièce teatrale scritta dallo stesso Veber, e “L’apparenza inganna” (2000), con Daniel Auteil e Gérard Depardieu, presente anche nell’ultimo film “Stai zitto…non rompere” (2003), girato in coppia con Jean Reno. Ma è soprattutto “La cena dei cretini” con i suoi grandi successi (tre Césars, per il miglior attore protagonista, per quello non protagonista e per la miglior sceneggiatura) a far conoscere a tutto il mondo Francis Veber, facendolo diventare così uno degli esponenti di punta della cosiddetta “commedia alla francese”. Sono ormai quindi anni che vive negli Stati Uniti, ma la sua impronta francese non si è cancellata, come il suo modo banale di trattare temi comuni.
La struttura teatrale (che ha influenzato notevolmente la resa cinematografica) è molto semplice, infatti le tre regole Aristoteliche dell’unità di azione, spazio e tempo sono rispettate: l’appartamento di Pierre Brochard si presta come scenario alla commedia degli equivoci, in una sera come tante altre nella Parigi perbenista. L’appartamento, arredato con oggetti rari e preziosi, è la dimora perfetta per una persona come Pierre, il moderno “self made-man”, ricco per quanto riguarda il conto in banca, ma povero nei valori. Ma per fortuna a cena Pierre ha invitato proprio François, il suo esatto contrario, che lo aiuterà, con qualche frenetico susseguirsi di malintesi, a rimetterlo sulla giusta strada, e a togliere dall’appartamento tutto quel superfluo che rendeva la vita di Pierre una bella e sciccosa confezione regalo. Pignon è un eroe, (un po’ goffo, ma al giorno d’oggi è vero che i superuomini sono demodè), perché ha il coraggio di dimostrare di essere quello che gli altri non vedono o non vogliono vedere, ed è questo che lo rende più forte dei grandi eroi, i quali hanno nel cuore un eroismo innato.
La commedia gioca molto sui contrari sia per quanto riguarda i personaggi che per le situazioni. Pierre e François sono l’esatto contrario, ma anche Christine e Marlène sono due donne molto diverse: la moglie una donna dolce e sensibile, con un carattere che contrasta questa primo strato. Il suo carattere è in realtà forte e determinato, lascia il marito anche se per lui potrebbe aver perduto l’amore della sua vita Leblanc, mentre Marlène apparentemente, con il suo stile di vita zen è calma e rilassata, basta, infatti una telefonata per farla andare su di giri. Tra gli infitti intrecci e le innumerevoli gag che colorano la commedia si nasconde un messaggio, forse banale ai giorni nostri, ma pur sempre vero: i soldi danno o tolgono la felicità?
...continua



Spettacolo di repertorio non piĂą disponibile per la messa in scena.

Regia   Alessandra Boglioni
     
Scenografia   Alessandra Boglioni
Assistente alla regia   Davide Cornacchione
Luci   Eugenio Sacchella
Consolle tecnica   Eugenio Sacchella
Ufficio stampa   Raffaello Malesci
Fotografie di scena   Maurizio Balzarini
     
Personaggi   Interpreti
Pierre Brochant   Fiorenzo Savoldi
François Pignon   Daniele Bottini
Juste Leblanc   Severino Boschetti
Cheval   Anna Paterlini
Archambaud   Anna Paterlini
Christine   Vera Zizioli
Marlène   Vera Zizioli
     
     
Ringraziamenti   Il Comune di Medole (MN)
Sandro Bertocchi (Cipiesse-Rezzato)
Francesco Andreoli
       
       
Condividi su facebook! Condividi  
       




 
Produzione teatrale di repertorio
 
 
 
Commedie
   
  Il ventaglio di Lady Windermere
  Sarto per Signora
  In dolce attesa
  Il gioco dell'amore e del caso
  Tredici a Tavola
  La Madre Amorosa
  Donna Rosita nubile
  Il misantropo
  Le vedove allegre
  Il giro del mondo in 80 giorni
  L'abito non fa il monaco
  La casa nuova
  A scatola chiusa
  Una donna senza importanza
  Pene d'amor perdute
  Donne
  Occupati di Amelia!
  La donna volubile
  L'affarista Mercadet
  La commedia del mendicante
  8 donne
  Novecento
  Le nozze di Figaro
  L'hotel del libero scambio
  I giochi della follia ovvero la pergola
  Moglie... o attrice? ovvero il marito della debuttante
  Il giardino dei ciliegi
  Il borghese gentiluomo
  L'impresario delle smirne
  La guerra degli asparagi
  La paziente - Pomeriggio al mare
  Un cappello di paglia di Firenze
  Il volpone
  La strana coppia
  Il cavaliere della rosa
  Sogno di una notte di mezza estate (2006)
  Le cognate
  Cosi e' (se vi pare)
  La commedia degli equivoci
  Knock o il trionfo della medicina
  Un marito ideale
  Le nozze di Figaro (stagione 2005/2006)
  La palla al piede
  La cena dei cretini
  I due pantaloni ovvero i mercatanti
  Gl'innamorati
  Il tacchino
  Sherlock Holmes e il mistero dei Baskerville
  La brocca rotta
  Il trionfo dell'amore
  Molto rumore per nulla
  Che inenarrabile casino !
  Il bugiardo
  Il carnevale degli insetti e la misteriosa scomparsa di W
  Delitti di famiglia
  L'importanza di chiamarsi Ernesto
  La visita della vecchia signora
  La bisbetica domata
  Tutto è bene quel che finisce bene
  La cucina
  Storie di cronopios e famas
  Girotondo
  Il ventaglio
  Le allegre comari di windsor
  Fossi in voi ci penserei
  Il mondo alla rovescia
  Romolo il grande
  Gli acarnesi
  Sogno di una notte di mezza estate (1998)
  Le cognate (1998)
  Anatol
  Le donne a parlamento
  Jacques e il suo padrone
  Non sparate sulla mamma
  Vinzenz e l'amica degli uomini importanti
  Trappola per topi
Teatro di intrattenimento
   
Teatro per ragazzi
   
Rievocazioni storiche
   
Drammi
   
Letture
   
Cabaret
   
Teatro classico
   
Teatro contemporaneo
   
Teatro sperimentale
   
Spettacoli scuola dell'attore
   


  Teatro per ragazzi
  Dal 2004 Il Nodo Bimbi si dedica
alla produzione di commedie
per ragazzi e didattica teatrale
per l'infanzia...
   
  Approfondisci

  Scuola dell'attore
  Un progetto articolato
di scuola di teatro attivo
in provincia di Brescia
dal 1990
   
  Approfondisci
  Newsletter
  Tutte le news
ed informazioni sugli
spettacoli e non solo...
   
  Iscriviti ora!
   
 
Home / Calendario spettacoli / Rassegne teatrali / Produzione teatrale
Compagnia Teatrale / Scuola dell’attore / Contatti / Credits
     
Il Nodo Teatro Associazione Culturale s.s.l. Privacy - Contattaci   Contattaci!
 
sponsor by
Itsol