Il Nodo Compagnia teatrale
 

Anatol

di Arthur Schnitzler

Commedia in un prologo e sette quadri

 
   
 
Locandina Trama Repliche Approfondimenti Foto e video
Anatol
     
 
Commedie
'Anatol' è una raccolta di sette atti unici che Schnitzler pubblica a Berlino nel 1893 e cioè: 'Die Frage an das Schicksal' (La domanda al destino), 'Weinhachtseinkaeufe' (Acquisti di Natale), 'Episode' (Episodio), 'Denksteine' (Lapidi), 'Abschiedssouper' (Cena d'addio), 'Agonie' (Agonia) e 'Anatols Hochzeitsmorgen' (Le nozze di Anatol). Questa disposizione scelta dall'autore non corrisponde al periodo di composizione degli episodi, che va dal 1886 al 1891, ma rispecchia l'efficacia teatrale dell'intera pièce. Il prologo è un omaggio ad Arthur Schnitzler di 'Loris' (pseudonimo del giovane Hugo von Hofmanstahl) che Schnitzler aveva conosciuto al caffè Griensteidl dove insieme ad altri era stato fondato un circolo letterario che poi diverrà storico: 'La Giovane Vienna'.

Anatol è fra le opere più conosciute dello scrittore viennese. Si tratta di una composizione giovanile, che, a differenza dei drammi della maturità, accentua la leggerezza e lo spiccato umorismo dei personaggi. Fondamentale in questo lavoro è il riferimento all'indagine sui sentimenti e sull'animo umano che molto si avvicina alle coeve scoperte freudiane, tanto che molto più tardi Freud parlerà di Schnitzler con senso di lusingata ammirazione nella consapevolezza che lo scrittore austriaco, pur con diversi distinguo, molto si era avvicinato alle conclusioni a cui lui stesso era giunto scientificamente. Nel 1922, in occasione del sessantesimo compleanno di Schnitzler, Freud gli scrive questo biglietto : '… Desidero farle una confidenza, che lei avrà la bontà e il riguardo di tenere per sé, evitando di comunicarla a chiunque, amico o estraneo che sia. Mi sono sempre chiesto con tormento per quale ragione io non abbia mai cercato in tutti questi anni di avvicinarla e di avere un colloquio con lei. … La risposta a questa domanda contiene la confessione che a me sembra troppo intima. Io ritengo di averla evitata per una specie di timore del sosia. Non che io sia facilmente incline a identificarmi con altri, o che voglia trascurare la differenza di talento che mi separa da lei, ma in effetti ogniqualvolta mi sono immerso nelle sue belle creazioni, ho sempre creduto di riconoscere dietro la loro parvenza poetica gli stessi presupposti, interessi ed esiti che sapevo essere miei. …' Questo passo di Freud, anche se posteriore, dà l'idea di quanto le opere di Schnitzler siano riuscite a penetrare nei recessi dell'anima.

Non si può infatti non notare la complementarità dei due protagonisti maschili, Anatol e Max, che sicuramente possono essere visti come due espressioni dello stesso io. La ricerca frenetica di Anatol viene contrapposta allo scetticismo e al disinganno di Max, ma entrambe le istanze scaturiscono dalla stessa anima, quella di un uomo che ha perso i propri orizzonti e cerca disperatamente di ritrovarli. Con Anatol questa ricerca si esplica in una girandola di amori che culmina nell'esilarante finale della mattina del matrimonio, mentre con Max in una contemporanea e divertita riflessione ed analisi. Max è la ragione che analizza le pulsioni istintive espresse dal protagonista. La commedia ha certamente anche molti riferimenti autobiografici relativi ai primi anni viennesi del giovane Schnitzler. Leggiamo dal diario dello scrittore del 30 Novembre 1881 : 'Trascinarsi da mesi, forse da anni, di qua e di là, di desiderio in desiderio, in maniera artificiosa, a parole, fino alla nausea… andare su e giù fra le cose soltanto iniziate… e nonostante le ali, limitarsi a svolazzare per deplorevole indolenza solo sulla polvere della terra. A meno che io - un autentico figlio del secolo - non sia venuto al mondo già con le ali tarpate. Oh, che nausea, che indescrivibile nausea, sempre di nuovo e sempre peggio, poiché sempre più di rado mi rinnovo… non importa con che cosa. Ho bisogno di libertà e, com'è naturale, di denaro per divertirmi… e soprattutto di un altro Io!' Notiamo in questo passo la consapevolezza latente dello sdoppiamento dell'Io anche nella vita reale, dell'eterno conflitto in atto fra ragione e sentimento. Leggiamo ancora : 'Sì ! La vita 'dorata' si dissolve ! Ancora qualche anno e addio giovinezza, da cui quand'ero piccolo mi ero aspettato chissà che ! - E oggi ! - Un medico senza ambulatorio ! - Uno scrittore con mediocri successi ! Un giovane con amoretti ma senza amore ! Le grandi avventure e le piccole stoltezze ! Oh no, molto peggio !La grande avventura è svanita, come ogni futilità, solo la piccola stoltezza è diventata grande e non mi molla ! … Molto denaro e qualche donna, altre donne, e poi un po' di sventatezza, ecco di che avrei bisogno ! Poiché la cosa nauseante della mia sventatezza è che essa non è vera ! - è malinconia mascherata !' Il contrasto fra due pulsioni all'interno dell'animo dello scrittore è chiaro e si riversa interamente nel dualismo Anatol - Max.

Il rapporto tuttavia non è mai conflittuale ma sempre pervaso soltanto da un sottile e divertito gioco verbale. La ricerca non avviene più all'esterno, ma nei recessi della psiche e della sua espressione più misteriosa : la parola, il linguaggio umano che i personaggi schnitzleriani utilizzano con perizia persino eccessiva e la cui perfezione è infine indice di un vuoto interiore che si tenta affannosamente di colmare con la ridondanza delle parole.
Anatol può anche essere letto come una risposta dongiovannesca ai faustismi di autori contemporanei a Schnitzler: Robert Musil o anche Elias Canetti. Se nella crisi della 'finis austriae' troviamo lo stesso travaglio epocale che secoli prima ha portato alla nascita di miti come Don Giovanni e come Faust, che incarnano il modo rispettivamente istintivo e intellettuale di affrontare la crisi, ritroviamo anche da parte degli scrittori testimoni di quest'epoca la stessa differente analisi e reazione. In fondo Anatol non è altro che un'anticipazione dolce e leggera di Ulrich, 'L'Uomo senza qualità' dell'omonimo romanzo di Robert Musil. Egli tuttavia è completamente intriso della leggerezza, anche se talvolta malinconica, della commedia, mentre Ulrich e di conseguenza Vinzenz, il protagonista di 'Vinzenz e l'amica degli uomini importanti' la riduzione teatrale del suo romanzo capolavoro, resta connotato in chiave freddamente intellettualistica. Da qui la scelta di far prevalere nella messa in scena della commedia di Schnitzler gli aspetti frivoli e comici, così come nella messa in scena di Vinzenz (Brescia, Teatro Telaio, Novembre 1997) prevalevano gli aspetti di angoscia intellettuale misti al grottesco di una farsa che non riesce più a far ridere. Fin dal cinquecento la crisi dell'uomo moderno è stata interpretata secondo due filoni principali: la riflessione unita all'intelletto oppure la ribellione unità al sentimento, creando due personaggi-archetipo in grado di interpretare in modi differenti la stessa crisi. Da una parte l'intellettuale Faust, che nasce come pièce di teatro popolare, viene ripreso da Marlowe, passa per Goethe fino ad arrivare a Thomas Mann, e dall'altra il frivolo Don Giovanni, somma espressione della cultura mediterranea, che nasce con Tirso de Molina, è sublimato al massimo grado da Lorenzo da Ponte e dalla musica di Mozart, ma si tramuta anche in Casanova e nelle sue rielaborazioni hofmanstahliane. Entrambi trovano un degno erede nella cultura mitteleuropea con il lievissimo e giocoso 'Anatol' di Schnitzler, dove i personaggi di Anatol e Max riescono ad essere sintesi e punto di arrivo di questa secolare dicotomia.

Raffaello Malesci
...continua



Spettacolo di repertorio non più disponibile per la messa in scena.

Regia   Raffaello Malesci
     
Scene e costumi   Sara Gicoradi
Luci   Maurizio Balzarini
Coreografie   Sonia Baccinelli
Assistente alla regia   Davide Cornacchione, Sonia Baccinelli
Selezione musicale   Andrea Pozzi
Decorazioni scenografiche   Sara Gicoradi
Consolle tecnica   Andrea Pozzi
Fotografie di scena   Gloria Fenaroli
Costruzioni scenografiche   Gianni Pastorello
Relazioni esterne   Raffaella Bazzoli
Sartoria   Anna Furlani, Anna Danesi
Grafica   Maurizio Balzarini, Andrea Pozzi
     
Personaggi   Interpreti
Anatol   Daniele Bottini
Max   Davide Cornacchione
Cora   Elisa Rocca
Gabriele   Luisa Cornacchione
Bianca   Laura Furlani
Annie   Elena Danesi
Else   Cristina Scalmana
Emilie   Mara Zigliani
Ilona   Anna Danesi
Prologo   Francesco Buffoli
Il cameriere   Vittorio Cominardi
     
     
Ringraziamenti   Istituto Austriaco di Cultura di Milano per il suo patrocinio
Camilla Rossi, per la preziosa collaborazione scenografica
Foto Gek di Montichiari
Cantina F.lli Turina, Moniga del garda (bs)
Sig.ra Guglielmina Carubbi, Colombare, Sirmione
Farmacia Internazionale, Sirmione
Agenzia assicurativa Allianz Subalpina di Piva, Asola (Mn)
Teatro Telaio di Brescia
CONDIR Az. Agricole di Montichiari
Don Pietro Teraroli
       
       
Condividi su facebook! Condividi  
       




 
Produzione teatrale di repertorio
 
 
 
Commedie
   
  Il ventaglio di Lady Windermere
  Sarto per Signora
  In dolce attesa
  Il gioco dell'amore e del caso
  Tredici a Tavola
  La Madre Amorosa
  Donna Rosita nubile
  Il misantropo
  Le vedove allegre
  Il giro del mondo in 80 giorni
  L'abito non fa il monaco
  La casa nuova
  A scatola chiusa
  Una donna senza importanza
  Pene d'amor perdute
  Donne
  Occupati di Amelia!
  La donna volubile
  L'affarista Mercadet
  La commedia del mendicante
  8 donne
  Novecento
  Le nozze di Figaro
  L'hotel del libero scambio
  I giochi della follia ovvero la pergola
  Moglie... o attrice? ovvero il marito della debuttante
  Il giardino dei ciliegi
  Il borghese gentiluomo
  L'impresario delle smirne
  La guerra degli asparagi
  La paziente - Pomeriggio al mare
  Un cappello di paglia di Firenze
  Il volpone
  La strana coppia
  Il cavaliere della rosa
  Sogno di una notte di mezza estate (2006)
  Le cognate
  Cosi e' (se vi pare)
  La commedia degli equivoci
  Knock o il trionfo della medicina
  Un marito ideale
  Le nozze di Figaro (stagione 2005/2006)
  La palla al piede
  La cena dei cretini
  I due pantaloni ovvero i mercatanti
  Gl'innamorati
  Il tacchino
  Sherlock Holmes e il mistero dei Baskerville
  La brocca rotta
  Il trionfo dell'amore
  Molto rumore per nulla
  Che inenarrabile casino !
  Il bugiardo
  Il carnevale degli insetti e la misteriosa scomparsa di W
  Delitti di famiglia
  L'importanza di chiamarsi Ernesto
  La visita della vecchia signora
  La bisbetica domata
  Tutto è bene quel che finisce bene
  La cucina
  Storie di cronopios e famas
  Girotondo
  Il ventaglio
  Le allegre comari di windsor
  Fossi in voi ci penserei
  Il mondo alla rovescia
  Romolo il grande
  Gli acarnesi
  Sogno di una notte di mezza estate (1998)
  Le cognate (1998)
  Anatol
  Le donne a parlamento
  Jacques e il suo padrone
  Non sparate sulla mamma
  Vinzenz e l'amica degli uomini importanti
  Trappola per topi
Teatro di intrattenimento
   
Teatro per ragazzi
   
Rievocazioni storiche
   
Drammi
   
Letture
   
Cabaret
   
Teatro classico
   
Teatro contemporaneo
   
Teatro sperimentale
   
Spettacoli scuola dell'attore
   


  Teatro per ragazzi
  Dal 2004 Il Nodo Bimbi si dedica
alla produzione di commedie
per ragazzi e didattica teatrale
per l'infanzia...
   
  Approfondisci

  Scuola dell'attore
  Un progetto articolato
di scuola di teatro attivo
in provincia di Brescia
dal 1990
   
  Approfondisci
  Newsletter
  Tutte le news
ed informazioni sugli
spettacoli e non solo...
   
  Iscriviti ora!
   
 
Home / Calendario spettacoli / Rassegne teatrali / Produzione teatrale
Compagnia Teatrale / Scuola dell’attore / Contatti / Credits
     
Il Nodo Teatro Associazione Culturale s.s.l. Privacy - Contattaci   Contattaci!
 
sponsor by
Itsol