Il Nodo Compagnia teatrale
 

Delitti di famiglia

di Wilfried Happel


 
   
 
Locandina Trama Repliche Approfondimenti Foto e Video
Delitti di famiglia
     
 
Commedie Teatro contemporaneo
E pensare che tutto potrebbe essere così bello!

E pensare che potrebbe tutto essere così bello! Dieter e Norma in un tranquillo e moderno menage familiare mentre l’arrosto sta cuocendo lentamente nel forno. E’ primavera. Improvvisamente però gli eventi precipitano e il cattivo mondo esterno irrompe in questo idillio. Il figlio Jörg infatti ha scoperto la propria voluttà omicida e come prima cosa è necessario nascondere in tutta fretta il cadavere di un poliziotto sotto il divano. Poi irrompe la suocera che è appena stata lasciata dal marito e sta ricadendo pesantemente nell’alcolismo da cui era uscita. Nel mentre Jörg presenta una nuova fidanzata Waltraud. La precedente invece ha un nuovo amico Georg e canta nei cantori di Cristo. Georg era caduto molto in basso ma ora sembra che tutto sia ritornato nei binari. Improvvisamente giunge anche il nonno e volano ferri da stiro. In questo idillio familiare la giovane generazione apporta la crisi e sceglie le armi, ma saranno Dieter e Norma con un’energia inaspettata a trovare il modo di tenere unita ad ogni costo la famiglia.

Wlfried Happel - Delitti di famiglia

La forza dirompente, la lucida volontà di aggredire, divertire, stupire il pubblico e di farlo discutere portando in scena temi e problemi della più bruciante realtà contemporanea, sono alcune caratteristiche della scrittura di Wielfred Happel .Grazie alla puntuale e interessante traduzione di Raffaello Malesci, “Delitti di famiglia” affronta e si insinua in uno spaccato domestico nel quale Dietre, il capofamiglia, nelle situazioni più difficili ama ripetere “Non voglio sapere niente” La condizione del non volere sapere di Dieter è la condanna ad una vita sospesa dal dono di saper vedere in anticipo i crimini. Egli lancia un preciso messaggio con l’unico strumento che è libero di usare, il cervello, e ripete ossessivamente alla moglie che non vuole sapere nulla di quello che preventivamente sente che sta per accadere.
Ma la sua scelta del “non sapere”, quindi nel non voler vedere le cose non gli insinua alcun dubbio sulla validità del suo metodo preventivo per individuare e prevenire le potenzialità criminali del figlio Jorg e della fidanzata Waltaud. Anzi questa sua negazione lo porterà in un vicolo cieco. “Delitti di famiglia” può essere visto semplicemente come un’intrigante noir di ambientazione surreale, ma se ci si sofferma a guardare oltre il livello della comunicazione superficiale, si possono incontrare riflessioni piuttosto sorprendenti. Ciò che si vede può non essere quello che sembra. La visione di ciò che accade non è affidabile. Le scene non sono neutrali, il loro significato può assumere valenze diverse a seconda della quantità di informazioni di chi guarda.Il nostro vedere, lo sguardo, è ammaestrato a riconoscere e decodificare le immagini, a interpretarle e comprenderle.Non è un discorso nuovo, ma è interessante trovarlo nella drammaturgia di Happel. E’ lo stupore negli occhi di Dietre, che assiste impassibile alle avances dell’ex infoiato sessuale Gorge alla moglie Norma, è la presa di coscienza di Waltraud che attraverso quella scena rivive uno spaccato della sua tragica infanzia. I personaggi si presentano con precise caratteristiche e Happel le evidenzia con immediata sottolineatura drammaturgia. Queste ed altre scene si sviluppano attraverso un serrato gioco grottesco, l’autore è attento nel mostrare come i problemi sorgano e si ripercuotano nella vita quotidiana ed in particolare nella famiglia:tutta la scena infatti si svolge nel salotto “buono” di casa. La capacità straordinaria dello scrittore di rappresentare la quotidianità comune di esistenze piccolo borghesi e di restituire il linguaggio scarno, banale della quotidianità, riesce a rappresentare con grande consapevolezza la crisi e l’angoscia dell’individuo nella società attuale, i suoi personaggi si dibattono in un lacerante dilemma e lo rimandano allo spettatore: non dobbiamo fidarci dei nostri occhi, sono strumenti che possono ingannare, bisogna ristabilire una nuova prospettiva per leggere gli eventi, si deve sapere vedere cosa accade dentro le nostre mura domestiche.   Pietro Arrigoni
...continua



Spettacolo di repertorio non più disponibile per la messa in scena.

Regia   Pietro Arrigoni
     
Traduzione   Raffaello Malesci
Scenografia   Pietro Arrigoni, Raffaello Malesci
Luci   Eugenio Sacchella
     
Personaggi   Interpreti
Con   Davide Cornacchione, Raffaello Malesci, Raffaella Farina, Cristina Scalmana, Paola Franchini, Mario Roberti, Angelo Filippini
     
     
Ringraziamenti   CONDIR Az. Agricole di Montichiari
Comune di Vobarno (BS) - Assessorato alla Cultura
       
       
Condividi su facebook! Condividi  
       




 
Produzione teatrale di repertorio
 
 
 
Commedie
   
  Il ventaglio di Lady Windermere
  Sarto per Signora
  In dolce attesa
  Il gioco dell'amore e del caso
  Tredici a Tavola
  La Madre Amorosa
  Donna Rosita nubile
  Il misantropo
  Le vedove allegre
  Il giro del mondo in 80 giorni
  L'abito non fa il monaco
  La casa nuova
  A scatola chiusa
  Una donna senza importanza
  Pene d'amor perdute
  Donne
  Occupati di Amelia!
  La donna volubile
  L'affarista Mercadet
  La commedia del mendicante
  8 donne
  Novecento
  Le nozze di Figaro
  L'hotel del libero scambio
  I giochi della follia ovvero la pergola
  Moglie... o attrice? ovvero il marito della debuttante
  Il giardino dei ciliegi
  Il borghese gentiluomo
  L'impresario delle smirne
  La guerra degli asparagi
  La paziente - Pomeriggio al mare
  Un cappello di paglia di Firenze
  Il volpone
  La strana coppia
  Il cavaliere della rosa
  Sogno di una notte di mezza estate (2006)
  Le cognate
  Cosi e' (se vi pare)
  La commedia degli equivoci
  Knock o il trionfo della medicina
  Un marito ideale
  Le nozze di Figaro (stagione 2005/2006)
  La palla al piede
  La cena dei cretini
  I due pantaloni ovvero i mercatanti
  Gl'innamorati
  Il tacchino
  Sherlock Holmes e il mistero dei Baskerville
  La brocca rotta
  Il trionfo dell'amore
  Molto rumore per nulla
  Che inenarrabile casino !
  Il bugiardo
  Il carnevale degli insetti e la misteriosa scomparsa di W
  Delitti di famiglia
  L'importanza di chiamarsi Ernesto
  La visita della vecchia signora
  La bisbetica domata
  Tutto è bene quel che finisce bene
  La cucina
  Storie di cronopios e famas
  Girotondo
  Il ventaglio
  Le allegre comari di windsor
  Fossi in voi ci penserei
  Il mondo alla rovescia
  Romolo il grande
  Gli acarnesi
  Sogno di una notte di mezza estate (1998)
  Le cognate (1998)
  Anatol
  Le donne a parlamento
  Jacques e il suo padrone
  Non sparate sulla mamma
  Vinzenz e l'amica degli uomini importanti
  Trappola per topi
Teatro di intrattenimento
   
Teatro per ragazzi
   
Rievocazioni storiche
   
Drammi
   
Letture
   
Cabaret
   
Teatro classico
   
Teatro contemporaneo
   
Teatro sperimentale
   
Spettacoli scuola dell'attore
   


  Teatro per ragazzi
  Dal 2004 Il Nodo Bimbi si dedica
alla produzione di commedie
per ragazzi e didattica teatrale
per l'infanzia...
   
  Approfondisci

  Scuola dell'attore
  Un progetto articolato
di scuola di teatro attivo
in provincia di Brescia
dal 1990
   
  Approfondisci
  Newsletter
  Tutte le news
ed informazioni sugli
spettacoli e non solo...
   
  Iscriviti ora!
   
 
Home / Calendario spettacoli / Rassegne teatrali / Produzione teatrale
Compagnia Teatrale / Scuola dell’attore / Contatti / Credits
     
Il Nodo Teatro Associazione Culturale s.s.l. Privacy - Contattaci   Contattaci!
 
sponsor by
Itsol