Il Nodo Compagnia teatrale
 

Macbeth

di William Shakespeare

Tragedia in 5 atti

 
   
 
Macbeth
     
 
Drammi
Macbeth tragedia dell'ambiguità. Infatti l'elemento che caratterizza maggiormente quest'opera (la più breve tra le tragedie scritte da Shakespeare), è il fatto che ogni cosa in realtà, può rivelarsi diversa da come appare, e comunque non è presentata sotto un unico aspetto. Macbeth, l'assassino sanguinario che per conquistare il regno di Scozia compirà innumerevoli delitti, all'inizio viene presentato come un eroe, un grande e valoroso condottiero, leale e moralmente ineccepibile. E questa sua condizione non lo abbandonerà mai del tutto nel prosieguo dell'opera, infatti ogni omicidio verrà da lui vissuto con il tormento di chi sente che sta compiendo azioni profondamente ingiuste e criminali, ma allo stesso tempo ritiene di non poter sfuggire all'ineluttabilità del fato che lo costringe ad intraprendere quella strada, l'unica per poter conquistare il trono. Tutto ciò fa di Macbeth un personaggio fondamentalmente irrisolto, una figura che si trova suo malgrado a ricoprire un ruolo che non gli appartiene, quello dell'omicida, ma che allo stesso tempo non ha nemmeno la forza per opporsi a questa situazione.

Anche le figure che si muovono intorno al protagonista non sfuggono però a questa condizione di ambiguità. Banquo, l'onesto, che manifestando i suoi dubbi si trova spesso a fungere da elemento di contrasto nei confronti di Macbeth; lui che morirà per mano dell'amico perché la sua conoscenza dei fatti sposata alla sua integrità costituisce pericolo per il nuovo re, allo stesso tempo è colpevole di reticenza. Banquo sa ma tace. Perché le streghe hanno predetto qualcosa che lo riguarda e lui ha tutto l'interesse che ciò si avveri, per cui, pur non aiutandolo manifestamente, diventa complice di Macbeth non rivelando fin da subito quanto potrebbe aiutare ad interrompere la lunga serie di omicidi che includerà anche lui.

Malcom, il nuovo re, colui che dovrà portare il nuovo ordine in Scozia dopo il periodo di terrore, al momento di presentarsi a Macduff e quindi anche al pubblico, si descrive, mediante un'astuta forma di doppiogioco al fine di saggiare la fedeltà dell'amico, come un criminale della peggior specie, dedito ad ogni forma di vizio, ben più terribile del suo predecessore. Eppure questo giovane principe sarà colui che traghetterà con giustizia la Scozia in un nuovo periodo di pace e prosperità ed al quale tutti giureranno fedeltà.

Ma l'elemento assolutamente più indefinibile è costituito dalle streghe, e non solo per la loro condizione di figure fantastiche ed inverosimili. È molto riduttivo, infatti, interpretarle semplicemente come proiezioni della coscienza del protagonista, poiché il ruolo che hanno all'interno della tragedia è fondamentalmente attivo: sono loro che sapendo in anticipo quanto avverrà danno origine all'azione. Esse sono delle entità reali radicate nello spazio e nel tempo che si impadroniscono di Macbeth e ne fanno un loro personale oggetto di divertimento. Queste figure, sfruttando le loro profezie estremamente lucide e veritiere, che però spesso Macbeth fraintende ed interpreta a suo favore, giocano a trascinarlo nel fondo dell'abisso, sino a quando non lo abbandoneranno al suo destino, un destino di morte che già si conosce perché è stato predetto molto prima. Macbeth, ingannato dal loro senso oscuro, vede nelle parole nelle 'sorelle fatali' dapprima l'ascesa al trono e quindi la sicurezza che nessuno con fattezze mortali verrà mai a scalzarlo, mentre in realtà si tratta dell'annuncio dell'inizio di un incubo e della sua definitiva conclusione in rovina.

Altra figura che si staglia singolarmente all'interno del dramma ma che allo stesso tempo non può prescindere dalle streghe è Lady Macbeth. La sua natura ed il suo modo di agire nei confronti del marito la legano in maniera indissolubile all'ambiente demoniaco delle 'weird sisters' quasi a considerarla una di loro.

Giocando sulla doppiezza in molti casi sarà proprio lei a suggerire al marito di mostrarsi in pubblico con espressione differente da quanto lui in realtà prova nell'animo, per distogliere l'attenzione e non destare sospetti mentre viene perseguito il diabolico piano. Il suo carattere virile, lucido, determinato, incarna l'esatto opposto del concetto di femminilità; una femminilità però presente in lei, lo si intuisce nel primo monologo, ma che viene rinnegata nel momento stesso in cui decide di intraprendere il cammino verso la corona, e per fare ciò richiede addirittura l'intervento delle potenze del male. Si può in sostanza affermare che sia la Lady, che rinuncia alla sua natura di donna per trasformarsi in strega, a coltivare nello spirito di Macbeth i germogli seminati dalle streghe stesse, ed a condurlo verso la sua rovina, venendo però risucchiata anch'essa da questa spirale di morte.

Davide Cornacchione
...continua



Spettacolo di repertorio non più disponibile per la messa in scena.

Regia   Davide Cornacchione
     
Scene e costumi   Laura Cuomo
Luci   Maurizio Balzarini
Musiche originali   Nicola Peri
Consolle tecnica   Andrea Pozzi
Trucco e acconciature   Anna Furlani
Assistente di sala   Anna Danesi, Elena Danesi
Fotografie di scena   Daniele Beschi
Relazioni esterne   Raffaello Malesci, Raffaella Bazzoli
Sartoria   Raffaella Bazzoli, Mariuccia Schivardi, Cherie Glower
Grafica   Francesca Carini
     
Personaggi   Interpreti
Duncan   Giuseppe Masneri
Malcom   Mario Roberti
Donalbain   Cesare Ferrari
Macbeth   Raffaello Malesci
Banquo   Vittorio Cominardi
Macduff   Emiliano Baresi
Lennox   Daniele Bottini
Ross   Francesco Buffoli
Seyton   Alessandro Schivardi
Un capitano   Eugenio Sacchella
Un medico   Eugenio Sacchella
Un portiere   Alessandro Schivardi
Lady Macbeth/Le streghe   Monica Bioni, Francesca Carini, Luisa Cornacchione, Paola Franchini, Laura Furlani, Elisa Rocca
Dama/Strega   Cristina Scalmana
I Sicario   Eugenio Sacchella
II Sicario   Alessandro Schivardi
III Sicario   Cesare Ferrari
     
     
Ringraziamenti   CONDIR Az. Agricole di Montichiari
       
       
Condividi su facebook! Condividi  
       




 
Produzione teatrale di repertorio
 
 
 
Commedie
   
Teatro di intrattenimento
   
Teatro per ragazzi
   
Rievocazioni storiche
   
Drammi
   
  Splendid's
  I delitti della rue Morgue
  Amleto
  Nozze di sangue
  Il cavaliere della rosa
  Maria stuarda
  I pagliacci
  Storie del bosco viennese
  Quattro variazioni su un tema tragico
  L'amante
  Huis clos
  Macbeth
  La lezione
  Agamennone
  In casa con Claude
  Il calapranzi
  Il ritorno a casa
Letture
   
Cabaret
   
Teatro classico
   
Teatro contemporaneo
   
Teatro sperimentale
   
Spettacoli scuola dell'attore
   


  Teatro per ragazzi
  Dal 2004 Il Nodo Bimbi si dedica
alla produzione di commedie
per ragazzi e didattica teatrale
per l'infanzia...
   
  Approfondisci

  Scuola dell'attore
  Un progetto articolato
di scuola di teatro attivo
in provincia di Brescia
dal 1990
   
  Approfondisci
  Newsletter
  Tutte le news
ed informazioni sugli
spettacoli e non solo...
   
  Iscriviti ora!
   
 
Home / Calendario spettacoli / Rassegne teatrali / Produzione teatrale
Compagnia Teatrale / Scuola dell’attore / Contatti / Credits
     
Il Nodo Teatro Associazione Culturale s.s.l. Privacy - Contattaci   Contattaci!
 
sponsor by
Itsol