Il Nodo Compagnia teatrale
 

Il giardino dei ciliegi

di Anton Cechov

Commedia in 4 atti

 
   
 
Il giardino dei ciliegi
     
 
Commedie
Sentivamo battere il cuore degli alberi prima di quello degli uomini
(René Magritte)


“Il Giardino dei ciliegi: una commedia tutta da ridere.”
Viene da chiedersi a che cosa stesse pensando Anton Cechov quando, durante la composizione del suo ultimo capolavoro, lo definiva così; eppure, rileggendo il testo alla luce di tale affermazione, ci si accorge di quanto una certa tradizione interpretativa abbia portato ad affrontare quest'opera in chiave esclusivamente tragica e malinconica, tralasciando una componente ironica che è invece marcatamente presente.
Intendiamoci: nonostante Cechov in più occasioni abbia usato la definizione di 'vaudeville', non siamo certo di fronte ad un testo scritto nello stile delle commedie di Feydeau o Labiche, anzi, tuttavia in alcuni suoi appunti indirizzati agli attori si legge: “Siate più leggeri, più fluidi, più semplici, meno fatalistici, meno drammatici; siate anche più allegri, come nella vita. Ed anche nella mia indicazione tra le lacrime io volevo soltanto dire che tale era lo stato d'animo interiore del personaggio, non che piange. E' un modo di dire convenzionale.”
La vita intesa quindi come un sottile equilibrio di dramma e di commedia, in cui ai profondi silenzi si alternano l'allegria ed il gioco. Lo struggente addio ad un'epoca che si sta chiudendo non è mai interpretato con rassegnazione o disperazione, ma al contrario la vita continua e va per questo vissuta fino in fondo.
Il giardino dei ciliegi è infatti una fondamentale opera di passaggio: racconta della transizione dalla servitù della gleba nella Russia zarista verso una nuova società, in cui comincia a farsi avanti una forma embrionale di capitalismo. Un ordinamento radicato da secoli, che sembrava destinato ad essere immutabile, viene rapidamente sovvertito; tutto quanto appartiene al passato è destinato ad essere rimpiazzato e coloro che non sapranno adeguarsi a questo nuovo ordine verranno spazzati via. Ed i ciliegi stessi sono metafora di tutto questo: ogni ciliegio, dice nel secondo atto il giovane Trofimov, racchiude l’anima di un uomo, l’anima di uno di quegli schiavi che nel corso dei secoli hanno costituito le basi della Russia di fine ottocento e che sono ormai destinati a cadere sotto i colpi della scure.
Ma vi è un altro motivo di passaggio non meno importante legato a questo testo: il Giardino dei ciliegi costituisce la più alta espressione del teatro borghese ottocentesco, ed allo stesso tempo ne decreta la fine per aprire a quel teatro dell'incomunicabilità e dell'assurdo che caratterizzerà il ventesimo secolo. Le pause, i cambi di registro, i “finti” dialoghi in cui tutti parlano, ma in realtà nessuno ascolta, costituiscono le fondamenta su cui si ergeranno i drammi di Beckett, Ionesco, Pinter, il cui debito nei confronti di Cechov è indiscutibile.
La grande importanza del Giardino dei ciliegi risiede quindi nel fatto di essere “il testo” per antonomasia del teatro del Novecento: un secolo che forse, nonostante l’avvento del nuovo millennio, non si è ancora del tutto concluso.

Davide Cornacchione
...continua



Spettacolo di repertorio non più disponibile per la messa in scena.

Regia   Davide Cornacchione
     
Scene e costumi   Davide Cornacchione
Luci   Davide Cornacchione, Danilo Furnari
Sartoria   Mariuccia Schivardi
Assistente di produzione   Enrica Bertolini
Trucco e acconciature   Cristina Scalmana
Consolle tecnica   Alessandro Viespoli
Grafica   Danilo Furnari
Ufficio stampa   Raffaello Malesci, Stefania Malesci
Segreteria   Federica Ghidini, Serena Signori
Fotografie di scena   Maurizio Balzarini
     
Personaggi   Interpreti
Ljubov’ Andreevna Ranevskaja   Simona Carbonini
Anja, sua figlia   Roberta Biondi
Varja, sua figlia adottiva   Delia Baronio
Leonid Andreevic Gaev, fratello della Ranevskaja   Francesco Buffoli
Ermolaj Alekseevic Lopachin, mercante   Alessandro Abate
Petr Sergeevic Trofimov, studente   Daniele Bottini
Anna Petrovna Vojniceva, proprietaria terriera   Cristina Scalmana
Å arlotta Ivanovna, governante   Valeria Bisoni
Semën Panteleeviè Epichodov, contabile   Guido Paratico
DuniaÅ¡a, cameriera   Fulvia Marai
Firs, maggiordomo   Pierluigi Ferretti
JaÅ¡a, giovane lacché   Luca Rossoni
Un viandante   Guido Paratico
     
     
Ringraziamenti   Comune di Gottolengo
Marialuisa Barilani
Adelaide Berneri
Elena Bettinetti
Adriana Doato
Antonella Donà
Cecilia Lovato
Silvia Pipa
       
       
Condividi su facebook! Condividi  
       




 
Produzione teatrale di repertorio
 
 
 
Commedie
   
  Il ventaglio di Lady Windermere
  Sarto per Signora
  In dolce attesa
  Il gioco dell'amore e del caso
  Tredici a Tavola
  La Madre Amorosa
  Donna Rosita nubile
  Il misantropo
  Le vedove allegre
  Il giro del mondo in 80 giorni
  L'abito non fa il monaco
  La casa nuova
  A scatola chiusa
  Una donna senza importanza
  Pene d'amor perdute
  Donne
  Occupati di Amelia!
  La donna volubile
  L'affarista Mercadet
  La commedia del mendicante
  8 donne
  Novecento
  Le nozze di Figaro
  L'hotel del libero scambio
  I giochi della follia ovvero la pergola
  Moglie... o attrice? ovvero il marito della debuttante
  Il giardino dei ciliegi
  Il borghese gentiluomo
  L'impresario delle smirne
  La guerra degli asparagi
  La paziente - Pomeriggio al mare
  Un cappello di paglia di Firenze
  Il volpone
  La strana coppia
  Il cavaliere della rosa
  Sogno di una notte di mezza estate (2006)
  Le cognate
  Cosi e' (se vi pare)
  La commedia degli equivoci
  Knock o il trionfo della medicina
  Un marito ideale
  Le nozze di Figaro (stagione 2005/2006)
  La palla al piede
  La cena dei cretini
  I due pantaloni ovvero i mercatanti
  Gl'innamorati
  Il tacchino
  Sherlock Holmes e il mistero dei Baskerville
  La brocca rotta
  Il trionfo dell'amore
  Molto rumore per nulla
  Che inenarrabile casino !
  Il bugiardo
  Il carnevale degli insetti e la misteriosa scomparsa di W
  Delitti di famiglia
  L'importanza di chiamarsi Ernesto
  La visita della vecchia signora
  La bisbetica domata
  Tutto è bene quel che finisce bene
  La cucina
  Storie di cronopios e famas
  Girotondo
  Il ventaglio
  Le allegre comari di windsor
  Fossi in voi ci penserei
  Il mondo alla rovescia
  Romolo il grande
  Gli acarnesi
  Sogno di una notte di mezza estate (1998)
  Le cognate (1998)
  Anatol
  Le donne a parlamento
  Jacques e il suo padrone
  Non sparate sulla mamma
  Vinzenz e l'amica degli uomini importanti
  Trappola per topi
Teatro di intrattenimento
   
Teatro per ragazzi
   
Rievocazioni storiche
   
Drammi
   
Letture
   
Cabaret
   
Teatro classico
   
Teatro contemporaneo
   
Teatro sperimentale
   
Spettacoli scuola dell'attore
   


  Teatro per ragazzi
  Dal 2004 Il Nodo Bimbi si dedica
alla produzione di commedie
per ragazzi e didattica teatrale
per l'infanzia...
   
  Approfondisci

  Scuola dell'attore
  Un progetto articolato
di scuola di teatro attivo
in provincia di Brescia
dal 1990
   
  Approfondisci
  Newsletter
  Tutte le news
ed informazioni sugli
spettacoli e non solo...
   
  Iscriviti ora!
   
 
Home / Calendario spettacoli / Rassegne teatrali / Produzione teatrale
Compagnia Teatrale / Scuola dell’attore / Contatti / Credits
     
Il Nodo Teatro Associazione Culturale s.s.l. Privacy - Contattaci   Contattaci!
 
sponsor by
Itsol